La voce di Luca Attanasio, l’ambasciatore nella Repubblica democratica del Congo ucciso lunedì scorso, ha risuonato nel campo sportivo di Limbiate, paese in provincia di Monza e Brianza in cui era cresciuto. Nel corso della cerimonia funebre è stato fatto ascoltare un messaggio vocale di Attanasio, in cui esultava per essere riuscito a organizzare due voli dal Congo con a bordo 300 persone che volevano fuggire dall’insicurezza e dalle violenze del Paese africano. “Siamo siamo riusciti a far partire 300 persone dal Congo con due voli, fra cui un centinaio di italiani. “Viva l’Italia, sempre un passo avanti“, diceva Attanasio, felice. Le sue parole sono state salutate con un lungo applauso da parte delle centinaia di persone presenti alle esequie

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili