Ripercorrendo la storia recente della Lega è facile trovare contenuti che cadono in contraddizione con l’evoluzione più recente del pensiero del partito. Tra le piroette più evidenti, tutta maturata nell’era Salvini, è quella sull’Euro. Nel 2014, con Matteo Salvini a caccia di consensi, la parola d’ordine del partito era “Basta Euro”, stampato in giallo sulle magliette e sui manifesti di partito. Addirittura in alcune feste della Lega (fu Nord) si poteva comprare in Lire. I big del partito andavano di comizio in comizio a buttare fango sui banchieri e sull’Europa della finanza, battagliando contro “la moneta che ha affamato gli italiani”. La giravolta è arrivata in questi giorni, improvvisa e fulminea, con la Lega che accantona definitivamente la sua anima No Euro per sedersi al tavolo di Mario Draghi.

Blob di Alessandro Madron
twitter @alemadron

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5s, Di Maio: “Domani voterò convintamente sì a Draghi. Mi fido di Beppe, ci ha sempre visto più lungo di tutti noi”

next
Articolo Successivo

Compagni!, la versione di Mello sul Congresso di Livorno: “Così la divisione sul concetto di democrazia ha aperto la strada al fascismo”

next