Al Senato è nato il gruppo parlamentare ‘Europeisti-MAIE-Centro Democratico’. La ‘quarta gamba’ della maggioranza che dovrebbe sostenere un reincarico di Giuseppe Conte. Il gruppo al momento conta dieci senatori. Il vicepresidente Andrea Causin, proviene da Forza Italia: “Nuovi arrivi? Non ci stiamo lavorando”. Di parere opposto Ricardo Merlo: “Sicuramente il gruppo si allargherà ma abbiamo bisogno di tempo”.

“Nel gruppo che si è formato oggi io non sono disposta ad entrare”, afferma invece la senatrice del ‘Gruppo parlamentare Forza Italia-Udc’, Paola Binetti. Anche Sandra Leonardo, moglie di Clemente Mastella, senatrice che ha votato la fiducia al governo Conte la scorsa settimana, atto che ha sancito il suo addio a Forza Italia, non ha aderito al nuovo gruppo e spiega il perché: “Con il nome Centro Democratico il gruppo assumeva un significato politico-partitico, allora provocatoriamente ho proposto ci fosse anche il nome ‘Noi Campani’, ma la proposta non è stata accolta e a quel punto ho detto bye bye”.

Gaetano Quagliariello fondatore del partito ‘Idea’, oggi senatore del Gruppo Misto nella componente di ‘Cambiamo’, la formazione politica guidata da Giovanni Toti, spiega che “non c’è un veto sulla persona di Giuseppe Conte, ma per noi c’è bisogno di un gabinetto di guerra“. Possibilista su un nuovo accordo tra Renzi e Conte è il senatore socialista Riccardo Nencini: “Me lo auguro”. Auspicio che fa anche Lonardo: “Un accordo tra i partiti per un governo con un premier diverso da Conte allungherebbe i tempi, lasciando in stallo il Paese”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fico al termine delle consultazioni con Mattarella: “Lavoriamo per il Paese”. Poi va via dal Quirinale

next
Articolo Successivo

M5s risponde alle provocazioni di Renzi: “Irresponsabile, non gli interessa il Paese”. La strategia 5 stelle e perché resta l’incognita Grillo

next