Scegliere la scuola dove iscriversi il prossimo anno, in epoca di pandemia, è più difficile. Dal 4 gennaio milioni di ragazzi e di genitori stanno cercando di capire quale sia la decisione migliore senza poter metter piede nel futuro istituto. La maggior parte dei dirigenti scolastici, infatti, di fronte al coronavirus ha optato per organizzare i cosiddetti Open day online oppure diffondendo opuscoli e volantini che spiegano le caratteristiche della propria scuola. Un biglietto da visita che chiaramente non mostra difetti ma solo pregi. In ogni caso mamme, papà e studenti hanno tempo fino al 25 gennaio per decidere. Ecco come.

Come effettuare l’iscrizione – Per tutte le classi prime della scuola primaria, secondaria di primo e secondo grado statale le iscrizioni sono online. L’adesione alla procedura è facoltativa per le scuole paritarie. L’iscrizione si effettua, invece, in modalità cartacea per la scuola dell’infanzia. Sono online anche le iscrizioni ai percorsi di istruzione e formazione professionale erogati in regime di sussidiarietà dagli istituti professionali e dai centri di formazione professionale accreditati dalle Regioni che, su base volontaria, aderiscono al procedimento di iscrizione in via telematica.

Primo passaggio – È necessario registrarsi sul portale dedicato (qui il link). Chi è in possesso di un’identità digitale (Spid) potrà accedere al servizio utilizzando le credenziali del proprio gestore e senza effettuare ulteriori registrazioni. La registrazione deve essere effettuata dal genitore o da chi esercita la responsabilità genitoriale.

Secondo passaggio – Superata la fase di registrazione si può procedere con l’iscrizione. Per farlo servono le credenziali d’accesso e il codice meccanografico della scuola che si può trovare attraverso il sito web Scuola in Chiaro. Al primo accesso, l’applicazione chiede di confermare o integrare i dati di registrazione (abilitazione al servizio). Una volta inseriti e confermati si può procedere con l’iscrizione. Per compilare la domanda serve cliccare sul pulsante “Nuova domanda”.

La domanda si articola in quattro sezioni – Le sezioni possono essere compilate in tempi diversi e, quindi, se si desidera fare una pausa, si possono salvare le informazioni inserite senza inoltrare la domanda. Quando si è inviata alla prima scuola scelta, quelle indicate come seconda e terza opzione sono coinvolte, una dopo l’altra, solo nel caso in cui la prima non abbia disponibilità di posti per il nuovo anno scolastico. Una volta inoltrata la domanda, non può essere modificata. Se si devono apportare delle modifiche va contattata la scuola destinataria che potrà restituire la domanda sempre attraverso il portale “Iscrizioni on line”.

Per scegliere la scuola primaria – È possibile iscrivere alle classi prime della scuola primaria i bambini che compiono 6 anni di età entro il 31 dicembre 2021. Possono essere iscritti anche i bambini che compiono 6 anni dopo il 31 dicembre 2021, ma entro il 30 aprile 2022. In subordine rispetto all’istituto scolastico che costituisce la prima scelta, si possono indicare, all’atto di iscrizione, fino a un massimo di altri due istituti. All’atto dell’iscrizione, le famiglie esprimono le proprie opzioni rispetto alle possibili articolazioni dell’orario settimanale che può corrispondere a 24 ore, 27 ore (elevabili fino a 30), o 40 ore (tempo pieno).

Per scegliere la scuola secondaria di primo grado – Al momento dell’iscrizione, le famiglie esprimono la propria opzione rispetto all’orario settimanale, che può essere articolato su 30 ore oppure su 36 ore, elevabili fino a 40 ore (tempo prolungato). In subordine rispetto all’istituto scolastico che costituisce la prima scelta, si possono indicare, all’atto di iscrizione, fino a un massimo di altri due istituti.

Per scegliere la scuola secondaria di secondo grado – Le famiglie effettuano anche la scelta dell’indirizzo di studio, indicando l’eventuale opzione rispetto ai diversi indirizzi attivati dalla scuola. In subordine rispetto all’istituto scolastico che costituisce la prima scelta, si potranno indicare, all’atto di iscrizione, fino a un massimo di altri due istituti. Per la gestione delle eventuali iscrizioni in eccedenza, ciascuna scuola individua specifici criteri di precedenza, mediante delibera del Consiglio di istituto da rendere pubblica prima dell’acquisizione delle iscrizioni stesse. I criteri devono essere definiti in base a principi di ragionevolezza come, ad esempio, la vicinanza della residenza dell’alunno o particolari impegni lavorativi delle famiglie.

Suggerimenti per le famiglie – Per affiancare i genitori nella scelta è disposizione un’app del portale “Scuola in Chiaro” che consente di accedere con maggiore facilità alle principali informazioni relative a ciascun istituto. Un’assistente virtuale è a disposizione sul sito del ministero dell’Istruzione dove ci sono anche le faq che rispondono a qualsiasi dubbio delle famiglie: genitori separati; genitori stranieri senza codice fiscale; famiglie senza computer. Inoltre chi è in difficoltà può chiamare il numero dedicato alle “Iscrizioni on line”: +39 080 9267630 attivo fino al 25 gennaio dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18, oppure scrivere all’indirizzo email: iol@istruzione.it

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scuola, cinque consigli per scegliere il giusto indirizzo: “E ai genitori dico di non pensare che sia una strada definitiva”

next
Articolo Successivo

Banchi a rotelle, l’ultima balla di Renzi: “Spesi 461 milioni”. Falso: i dati ufficiali parlano di 119 milioni

next