“Fateci partire”. A lanciare questo appello al ministero dell’Università e a quello degli Esteri sono gli studenti dell’ateneo di Genova pronti, nonostante la pandemia, a viaggiare con il progetto di mobilità internazionale “Erasmus”. A bloccare i circa 300 giovani liguri è l’università che in una nota ufficiale di novembre precisa: “Considerato l’evolversi della situazione sanitaria a livello europeo e mondiale e la raccomandazione della Farnesina di evitare viaggi all’estero se non per ragioni strettamente necessarie, al momento è sospesa la mobilità internazionale degli studenti, dei docenti e del personale tecnico-amministrativo, sia in uscita sia in entrata, fino a nuove disposizioni”. Una scelta fatta anche dalle Università di Salerno. Mentre l’ateneo di Trieste ha messo in guardia gli studenti: “Pur continuando a fornirvi supporto ed assistenza, l’università non ha gli strumenti per aiutarvi a risolvere tutti i problemi cui potreste andare incontro. Solo voi siete in grado di valutare la vostra motivazione, rimodulare le vostre aspettative e ponderare le vostre scelte in termini di costi e benefici”.

Sull’Erasmus, la scelta spetta ai rettori in piena autonomia. In tanti, infatti, hanno scelto di far partire i propri studenti: Torino; Milano Bicocca; Bergamo; Pavia; Iuav di Venezia; Ca’ Foscari; Padova; Siena; Firenze; Bologna: Roma Sapienza; Roma Tre; Napoli Orientale; Cagliari e Sassari. La pandemia non ha fermato totalmente il progetto “Erasmus”. Secondo i dati della Commissione europea sugli studenti Erasmus in mobilità a marzo 2020, al momento dell’emergenza sanitaria c’erano 165mila ragazzi europei nei Paesi che aderiscono alla mobilità internazionale. Di loro, il 40% ha proseguito la permanenza nello Stato ospitante. Anche i ragazzi italiani non si sono fermati. A confermarlo sono i dati nazionali (fonte Agenzia Erasmus+ Indire): i nostri universitari in giro a marzo 2020 erano circa 13 mila e circa la metà, nonostante il Coronavirus, ha scelto di non tornare a casa. Tra l’altro l’andamento delle domande di candidature per Erasmus 2020, presentate alla scadenza di febbraio 2020, presentava un più 3%. Ora si apre lo scenario per il 2021. Dall’Indire, l’istituto nazionale per la ricerca e l’innovazione della ricerca educativa, che si occupa di ricevere le domande degli atenei, sono prudenti: “Non sappiamo ancora quanti effettivamente partiranno. Saranno sicuramente meno dello scorso anno. Tutto dipende dalle scelte delle singole Università. E’ chiaro che se i vaccini miglioreranno la situazione della curva epidemiologica, i primi che riprenderanno a viaggiare saranno proprio i giovani”. Intanto l’Agenzia Nazionale Erasmus+ Indire, insieme alla fondazione “garagErasmus”, ha lanciato il progetto “The + of Erasmus”, un pacchetto di servizi virtuali rivolto a tutti gli studenti internazionali in partenza e in arrivo in Italia nell’anno accademico 2020/21. “In questo modo – spiegano all’Indire – intendiamo trasformare un periodo di difficoltà in un’opportunità per migliorare l’esperienza del programma Erasmus, rendendolo più digitale, inclusivo e sostenibile dal punto di vista ambientale”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, termina tra gli applausi l’occupazione del liceo Manzoni contro la dad: “Chiesti protocolli chiari, dimostrato che pretendiamo istruzione”

next
Articolo Successivo

È dura insegnare l’importanza delle regole nell’anno della scuola senza regole

next