In 13 anni è stata cancellata un’area estesa come la California e circa due terzi della deforestazione globale, tra il 2000 e il 2018, è avvenuta in aree tropicali e sub-tropicali. È quanto emerge da uno studio pubblicato dal WWF, ‘Fronti di deforestazione: cause e risposte in un mondo che cambia’, nel quale si analizzano, appunto, i 24 principali fronti di deforestazione concentrati in 29 Paesi tra Asia, America Latina e Africa. In tutto una superficie forestale di 377 milioni di ettari (circa un quinto del totale).

Tra il 2004 e il 2017 oltre il 10% di questo patrimonio è andato perduto: si tratta di circa 43 milioni di ettari. Per avere un’idea, l’Italia è grande circa 30 milioni di ettari. E quasi la metà della foresta ancora in piedi (circa il 45%) ha comunque subito frammentazioni. Solo nel Cerrado brasiliano, che ospita il 5% delle specie animali e vegetali del pianeta, ad esempio, in tredici anni i terreni sono stati rapidamente deforestati per l’allevamento del bestiame e la produzione di soia con la conseguente perdita di un terzo (il 32,8%) della sua superficie forestale. Per ognuno dei 24 fronti analizzati, il WWF ha definito l’andamento delle cause che sono alla base della cancellazione degli ecosistemi naturali terrestri e valutato le risposte messe in campo, evidenziando come l’influenza dei diversi fattori tende a modificarsi nel tempo e a variare da una regione all’altra, soprattutto a seconda dei cambiamenti politici e della domanda del mercato.

Le cause della deforestazione – L’agricoltura rimane la prima causa di deforestazione, soprattutto in America Latina e in Asia, dove predominano – spiega lo studio – l’espansione delle coltivazioni arboree e dell’agricoltura legata sia alla domanda mondiale che ai mercati interni. Aumenta anche la pressione dei piccoli coltivatori, specialmente in Africa. L’estrazione del legname – sia in forma legale che illegale – rimane un fattore significativo, anche se in forma ridotta rispetto al passato, e spesso precede la deforestazione per altri scopi. Una causa sempre più ricorrente è la crescente espansione delle reti stradali, che collegano le zone di sfruttamento a quelle adibite all’esportazione e al rifornimento dei mercati interni. “Ma i fronti si espandono anche a causa della pressione delle operazioni minerarie non industriali e dell’aumento degli insediamenti umani all’interno degli ecosistemi naturali”, scrive il WWF. Tra le cause c’è anche l’accaparramento di terreni di proprietà pubblica, guidato dalla speculazione.

Le risposte inadeguate – Secondo lo studio le risposte arrivate da singoli territori, pur contribuendo ad arrestare la deforestazione “non hanno potuto evitare il trasferimento delle pressioni su altri ecosistemi, come savane e prateria”. Le misure che hanno riguardato la produzione di materie prime o intere filiere, invece, “non raggiungono ancora un livello di diffusione capace di modificare la situazione” soprattutto a causa della limitata partecipazione di chi è all’apice di queste filiere. Ma queste risposte, applicate singolarmente, non bastano: le soluzioni più efficaci sono quelle combinate tra loro e che spesso vedono una collaborazione tra pubblico e privato. Il report rileva anche l’importanza del ruolo dei cittadini “che non posso ignorare il rapporto tra i loro comportamenti e la deforestazione”. “Vanno ridotti i consumi di carne e di prodotti contenenti le materie prime incriminate, come soia e olio di palma, sottolinea l’organizzazione, e vanno preferiti quelli che dimostrano in etichetta una provenienza estranea alla deforestazione. È urgente che anche i governi dei paesi importatori introducano regole che impediscano l’importazione di materie prime, semilavorati e prodotti finiti legati alla deforestazione”. Con la campagna #Together4Forests, più di un milione di persone in Europa hanno chiesto una nuova legge Ue per tenere i prodotti legati alla deforestazione e alla distruzione della natura fuori dal mercato europeo e “garantire che la produzione di questi prodotti non porti a violazioni dei diritti umani, compresi i quelli delle popolazioni indigene e delle comunità locali”.

Le azioni da intraprendere – Diverse le azioni urgenti da mettere in campo, come la tutela delle popolazioni indigene. Ma non solo, anche la conservazione delle aree ricche di biodiversità e un impegno più concreto da parte di aziende e istituzioni finanziarie per un obiettivo ‘zero deforestation’, sono da applicare. Il WWF chiede che il blocco della deforestazione sia riconosciuto anche come strategia per la lotta al cambiamento climatico, insieme a un nuovo patto (un New Deal for Nature and People) “che avvii la ripresa della natura e definisca il percorso per un vero sviluppo sostenibile, una società equa e un’economia che non produca arricchimento di carbonio nell’atmosfera”.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’acqua del lago di Bracciano è diventata rossa: il Parco esclude la presenza di alghe tossiche

next
Articolo Successivo

Puntare sullo sci di pista con questo trend climatico? L’uomo è davvero stupido

next