Una bambina di un anno e mezzo è morta all’ospedale di Bergamo dove era stata trasportata nella serata dell’11 gennaio dopo un incidente domestico avvenuto a Cabiate, nella Brianza Comasca. La piccola era in casa con il compagno della madre e stava giocando, quando si è tirata addosso una stufetta elettrica appoggiata sopra un mobile che le è caduta sulla testa.

Inizialmente sembrava che non si fosse fatta nulla, ma circa due ore dopo l’incidente è comparso l’ematoma e la bambina ha perso conoscenza. Solo allora sono stati chiamati i soccorritori che al loro arrivo hanno trovato la piccola in arresto cardiaco a causa di un trauma cranico, come informa l’Azienda Regionale Emergenza Urgenza. La piccola è stata trasportata in elicottero all’ospedale di Bergamo in codice rosso, ma è deceduta in ospedale. I carabinieri stanno svolgendo gli accertamenti sull’accaduto.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaccini, l’Alto Adige fanalino di coda in Italia cambia strategia: “Troppi no tra gli operatori sanitari. Partiamo in anticipo con gli over 80”

next
Articolo Successivo

Sassari, spara a un cinghiale ma viene attaccata: la cacciatrice si salva così – Video

next