La prescrizione ha stravolto questo processo. Adesso voglio vedere i politici – perché qui si tratta di politica – cosa diranno. È inutile che oggi dicano che sono contrari alla prescrizione e poi per faccende di comodo facciano il contrario. La prescrizione non allunga i tempi processuali. Nei disastri colposi e ambientali non dev’essere nemmeno pensata. Abbiamo bisogno di sapere la verità, anche dopo 30 anni”. Sono le parole di Marco Piagentini, l’uomo-simbolo della strage di Viareggio, che ha perso la moglie e due figli, in conferenza stampa dopo la discussa sentenza che ha dichiarato prescritti i reati per omicidio colposo, rimandato in Appello la valutazione sul reato di disastro ferroviario colposo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Viareggio, i familiari: “La prescrizione ha stravolto il processo. Inutile che oggi i politici si dichiarino contrari e poi per comodo tornino a favore”

next
Articolo Successivo

Open Arms, Salvini: “Non ho agito da solo, lo ha detto anche Conte”

next