Qualcuno piange in silenzio, qualcun’altro scuote la testa tra delusione e rassegnazione. Gli sguardi persi nel vuoto. È infine Marco Piagentini, che nella strage di Viareggio perse la moglie e due figli, a prendere la parola, definendo la sentenza della Cassazione “disastrosa“. “Si cancella con un colpo di spugna tutto il lavoro per la ricerca della verità. Abbiamo perso tutti”. Piagentini ha atteso la decisione della Corte di Cassazione sul processo nella sede della Croce Verde di Viareggio insieme ad altri familiari, e collegato su Zoom con associazioni di ogni parte d’Italia. “Non molleremo certamente ora, ma ci saremmo aspettati un segnale di verità e giustizia che portasse alla condanna dei responsabili – assicurano – invece dovremo attendere ma già sappiamo che la prescrizione ci priverà della possibilità di andare fino in fondo alla parte più importante delle accuse faticosamente ricostruite in questi anni”

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Ha perso tutta Italia”: le famiglie di Viareggio tra dolore e rabbia. “Processo trasformato in barzelletta, giustizia solo per i potenti”

next