Una cena in pizzeria pagata 10mila dollari. È lo scontrino che si è fatto battere Mauro, manager dirigente della azienda statunitense Eaton, impresa americana con sede a Pessano con Borgano. Un dono per i ragazzi di Pizza Aut, la pizzeria di Cassina de’ Pecchi, nella città metropolitana di Milano, che è parte di un progetto di inclusione sociale che dà lavoro a ragazzi affetti da autismo. A dare la notizia è il presidente e fondatore del gruppo, Nico Acampora, che ha ringraziato il benefattore con un post sulla pagina Facebook della pizzeria pubblicando un video in cui i due brindano insieme.

“Ha deciso di sostenere PizzAut con una donazione di 10mila dollari – racconta Acampora nel video – Mauro e Martina sono venuti oggi a mangiare la pizza e hanno pagato due pizze 10mila dollari. Noi brindiamo alle aziende che decidono di investire nelle persone, nel sociale e che – ha concluso – credono in PizzAut e nei nostri ragazzi”. Pizza Aut, che per ora si sposta su un foodtruck in giro per Milano, a febbraio aprirà un ristorante a Cassina.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

L’Etna torna a eruttare: le spettacolari immagini delle fontane di lava nella notte

next
Articolo Successivo

“Mascherina sospesa per i senza fissa dimora”: l’iniziativa di Avvocato di Strada e farmacie

next