Nella rotonda di prato davanti al Vittoriano sono già cominciate le operazioni di allestimento e apertura dei rami di “Spelacchio“, l’albero di Natale di Roma ormai famoso in tutto il mondo. Si tratta di un abete alto circa 23 metri, con un diametro della chioma alla base di 12 metri. A colorarlo e illuminarlo ci saranno 100mila luci a led e 800 sfere in quattro tinte: rosso, argento, oro intenso e oro chiaro. Come da tradizione, verrà inaugurato il prossimo 8 dicembre dalla sindaca Virginia Raggi, che ha detto: “Non abbiamo rinunciato ad allestire il nostro albero perché vogliamo che sia un messaggio di speranza per tanti lavoratori alle prese con la crisi economica e in generale per tutti noi, che stiamo affrontando la pandemia”

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

I nuovi Re di Roma

di Il Fatto Quotidiano 6.50€ Acquista
Articolo Precedente

Crisanti a La7: “Vaccino anti-Covid? Ho chiesto solo trasparenza sui dati, per ora solo affermazioni di carattere commerciale”

next
Articolo Successivo

Covid, il presidente dei rianimatori: “Aggiungere 22° parametro: la tenuta delle terapie intensive. Correggere errori in vista della terza ondata”

next