“Auspichiamo di vaccinare una parte importante della popolazione nel primo semestre o entro il terzo trimestre del 2021. Ma non conosciamo quanti italiani vorranno farsi il vaccino”. Lo ha spiegato in conferenza stampa il commissario all’emergenza Covid, Domenico Arcuri. “Stiamo progettando una piattaforma informatica che consentirà di gestire la verifica della somministrazione per sapere come si chiamano le persone che hanno fatto il vaccino e dove lo hanno fatto, per seguire la tracciabilità dei beni sul territorio”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alto Adige, parte lo screening di massa: lunghe code fuori dai presidi. Obiettivo 350mila test: “Così evitiamo un lockdown fino a febbraio”

next
Articolo Successivo

Casale Monferrato, la “capitale del freddo” che adesso pensa al vaccino anti-Covid: “Settore nato per i gelati. Ora pronti a produrre frigo a -80”

next