Alla fine la giunta regionale di Vincenzo De Luca accoglie le ragioni dei comitati degli abusivisti e compie un passo ufficiale per provare a far sospendere le demolizioni in Campania durante l’emergenza coronavirus. L’assessore campano alla Legalità, Mario Morcone, ha infatti scritto una lettera al prefetto di Napoli, Marco Valentini, per sollecitare uno stop degli abbattimenti durante la pandemia.

La richiesta al prefetto – si legge in un comunicato dell’ufficio stampa della Regione Campania – è il seguito di “una mozione approvata all’unanimità dai gruppi dell’assemblea regionale e rappresenta come sia inopportuno, in una fase sociale così difficile, dare esecuzione a provvedimenti che rischiano solo di alimentare le difficoltà di una collettività già ferita dal Covid”. “La giunta regionale – precisa la nota – si rende disponibile a partecipare ad un tavolo che la Prefettura vorrà eventualmente avviare per regolare i tempi della moratoria che è stata richiesta”.

L’iniziativa dell’assessore di De Luca ha un forte significato politico e sancisce, di fatto, un asse tra Pd e Forza Italia sulla problematica. Lo conferma Raffaele Cardamuro, presidente dell’associazione ‘Io abito’ e responsabile del dipartimento case di Forza Italia a Napoli, che è stato tra i principali animatori del sit-in di fine ottobre, quando circa 200 esponenti dei comitati anti abbattimenti si sono dati appuntamento sotto Palazzo Santa Lucia per consegnare simbolicamente le chiavi delle case a rischio ruspa. “Poco fa mi ha chiamato il consigliere regionale Massimiliano Manfredi (Pd) per darmi la notizia della lettera del dottor Morcone – rivela Cardamuro a ilfattoquotidiano.it – lui e il capogruppo dem Mario Casillo ci hanno aiutato a sostenere le nostre rivendicazioni, per affrontare e risolvere una questione che non ha e non deve avere un colore politico. In una fase nella quale ci costringono a non portare i figli a scuola e a non andare al lavoro, come possono solo pensare di demolire abitazioni che in qualche caso sono l’unica soluzione residenziale di intere famiglie?”. “Ho chiesto ai consiglieri Pd di darci una mano – conclude Cardamuro – perché qui non stiamo chiedendo una sanatoria o un condono, ma soltanto un aiuto per affrontare questa emergenza sospendendo demolizioni disposte in qualche caso in maniera selvaggia e senza un criterio”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Liguria, per Toti l’accusa di privatizzare la sanità è “offensiva”. Ma intanto mette a gara 53 posti letto dell’ospedale di Rapallo

next
Articolo Successivo

Salvini: “Berlusconi apre al governo? Non voglio pensare a scambi di interessi politici e aziendali con Mediaset”

next