Apriamo le porte alle emozioni“. Con questa frase Elisabetta Barbato, direttrice della casa di cura Sartor, a Castelfranco Veneto (Treviso), fotografa la novità della “stanza degli abbracci“, una sala in cui l’ospite della residenza per anziani può entrare in contatto, in sicurezza, coi propri parenti. Attraverso una speciale tenda di plastica anti-contagio da Covid-19, le persone ricoverate all’interno della struttura possono infatti riabbracciare i loro cari, che rimangono così separati e protetti dal rischio di contagio. Il contatto fisico con i familiari aiuta i pazienti a godere di un maggiore benessere mentale ed emotivo, utile per affrontare meglio il virus.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Varese, la prima linea della nuova ondata. “Costretti a trasferire i pazienti fino a Brescia”. Le sfide di sindaci e medici per alleggerire i reparti – VIDEO

next
Articolo Successivo

Campania in zona rossa, strade e lungomare di Napoli deserti nella prima domenica di lockdown. Controlli nelle zone del centro

next