C’è anche Roby Facchinetti, amico di una vita e compagno all’interno della band Pooh, al funerale di Stefano D’Orazio, storico batterista del gruppo morto di Covid nella serata di venerdì scorso. “Era più che un fratello, perché con i miei fratelli non ho avuto un rapporto così a 360 gradi, abbiamo condiviso tutto. Momenti professionali, personali, l’umanità, l’abbiamo messa in tutto”, ha sottolineato il cantautore e tastierista ai giornalisti fuori dalla Chiesa degli Artisti, a Roma, dove si è celebrato il funerale in forma privata.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Cacciatore uccide una delle asine dell’ex rugbista Lo Cicero: “Scioccato per questa tragedia, non tutti possono avere un’arma”

next