Nonostante le restrizioni anti-Covid, in tanti sono accorsi in piazza del Popolo a Roma per dare l’ultimo saluto a Stefano D’Orazio, il batterista dei Pooh scomparso venerdì a causa del Covid. All’arrivo del feretro i fa hanno intonato le strofe di alcune delle canzoni più celebri della band, come “Pensiero”, facendo risuonare molte bacchette da batterista. La cerimonia è stata celebrata in forma privata preso la Chiesa degli Artisti, con gli immancabili Roby Facchinetti, Dodi Battaglia , Red Canzian e Riccardo Fogli, i Pooh, che, ancora increduli per la sua improvvisa scomparsa, hanno detto addio all’amico e compagno storico di 50 anni di musica.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Donald Trump “sbeffeggiato” dai vip sui social: “Indimenticabile pezzo di me*da, esci da casa nostra”

next
Articolo Successivo

Mtv Ema 2020, il trionfo dei BTS con quattro premi. Lady Gaga è la Miglior Artista, Diodato vince il Best Italian Act

next