Colpo di scena a “Live-Non è la D’Urso”. Al termine del collegamento con Giorgia Meloni, Barbara D’Urso ha spiazzato la leader di Fratelli d’Italia con una richiesta fuori programma: “Una preghiera mia personale. Sai che ci conosciamo da moltissimi anni io e te. – ha detto la conduttrice – Non voglio una risposta ma devo farti una preghiera. Ti prego non ostacolate al Senato la legge contro l’omofobia. Ti prego. So che la pensi diversamente. È una cosa per cui io lotto da quindici anni. Ho buttato questa palla a te, sapendo che sei una persona intelligente e quindi sai di cosa sto parlando”.

La Meloni incredula ha subito cercato di rispondere: “Non è un tema che puoi aprire in chiusura quando non ho tempo per rispondere”. La replica della D’Urso è stata: “Ma no, non volevo aprire un tema ma era solo una mia richiesta”. Infine Meloni ha cercato di spiegare: “Combattiamo tutti l’omofobia, cosa diversa è fare una legge che diventa un modo per impedire che le persone pensino o dicano che l’utero in affitto non è una pratica di civiltà o per dire ai ragazzini delle elementari, ai quali giustamente non è mai stata portata l’educazione sessuale che oggi si debba spiegare cos’è un omosessuale. Io penso che a queste cose a quell’età ci debbano pensare le famiglie e non lo Stato. È un tema molto diverso dal tema dell’omofobia perché quella la combattiamo tutti”.

Cinque giorni fa la Camera ha approvato con scrutinio segreto la legge per contrastare l’omotransfobia, la misoginia e le violenze contro le persone disabili. I sì sono stati 265, i no 193, gli astenuti 1. Contrari i partiti del centrodestra tanto che i deputati di Forza Italia e Fratelli d’Italia hanno protestato in Aula indossando un bavaglio. Al termine della dichiarazione di voto del rappresentante del gruppo, tutti i deputati hanno innalzato dei cartelli con la scritta “Libertà”, ed hanno urlato in coro ripetutamente “Libertà!” fino a quando il presidente della Camera Roberto Fico non ha chiesto l’intervento dei commessi per rimuovere i cartelli. Da qui la richiesta di Barbara D’Urso di non ostacolare l’iter del Ddl Zan anche al Senato.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

I nuovi Re di Roma

di Il Fatto Quotidiano 6.50€ Acquista
Articolo Precedente

Grande Fratello Vip, la confessione di Elisabetta Gregoraci a Giulia Salemi: “Per Flavio Briatore io sono sua… è abbastanza possessivo”

next
Articolo Successivo

Storie Italiane, Riccardo Fogli sulla morte di Stefano D’Orazio: “Sembrava stesse meglio, invece poi è successo di tutto”

next