Breve sintesi dei fatti: dopo tante critiche, dissensi e scioperi, la ministra della Pubblica Istruzione Lucia Azzolina e molti sindacati convergono, nei giorni scorsi, nonostante le infinite differenze, su due punti decisivi: la necessità di tenere aperte le scuole e l’importanza della didattica in presenza. Il governo si muove però in altra direzione, e questo crea, diciamo così, un mal di pancia alla Azzolina: “…per quanto mi riguarda potrò sentirmi sollevata soltanto quando tutti i miei studenti potranno tornare in classe” (Corriere della Sera, 5 novembre).

Contro la chiusura degli Istituti si sono schierati i sindacati (penso alle importanti dichiarazioni del segretario della Cgil-scuola Francesco Sinopoli), gli studenti, i Presidi, i genitori, i docenti. Perché dunque s’è arrivati al lockdown esteso, nelle zone rosse, pure agli alunni di seconda e terza media? Per la necessità, dicono, di frenare la pandemia. Come se le scuole – è questo il punto – fossero focolai di virus e diffusione del male, mentre nessun luogo in verità è sicuro come gli Istituti scolastici: studenti disciplinati e sensibili al problema Covid, mascherine, sanificazione dei locali, distanziamento, vigile controllo dei prof in classe, supervisione dei bidelli nei corridoi. Chi ha esperienza del sistema-scuola sa che è così.

La verità è che studenti, genitori e prof pagano l’incapacità organizzativa delle regioni nel campo sanitario e dei trasporti: è sui pullman il maggior rischio d’infezione. Ora il nuovo Dpcm sana alcune falle: tutti i mezzi tornano alla capienza massima del 50%; il Paese è diviso in tre fasce di rischio e, con scelta oculata, siamo ai lockdown differenziati. Bene, ma sulla scuola ricadono gli effetti di tanti errori.

Stimo Conte, Speranza e molti ministri, ma non posso non vedere che l’istruzione e la cultura in genere, vista la fretta con cui sono stati chiusi cinema e teatri, sono stati maltrattati. Si dice: in piena tempesta Covid, il sistema scuola non regge. E allora perché Francia, Gran Bretagna, Germania eccetera non hanno chiuso con una situazione pandemica peggiore della nostra?

Pensava ad altro, Gigi Proietti, ma i suoi versi interrogano anche noi: “Nun è troppo improvviso er temporale?/ Qui vonno fa’ cascà tutto er Cibborio!/ (…)/ bisognerà trovà er capro spiatorio”. Ecco: er capro spiatorio. La Azzolina dice cose simili con una punta d’ottimismo in più: “In Italia la scuola non è stata mai considerata nello stesso modo che negli altri Paesi… ora è cambiata la musica”. Sarà così?

Non voglio alimentare dubbi, ho fiducia nel governo e avverto la difficoltà dell’ora ma non posso non vedere che la scuola, fino a oggi, è stata davvero il capro espiatorio delle difficoltà del Paese. Con una beffa in più. Insomma, sono importanti le disposizioni governative, da rispettare sempre, e la didattica, la ricerca, le metodologie pedagogiche; ma conta molto, credo, anche ciò che si vive sul campo.

Dunque: “Sono partito da Roma – mi dice un collega – ho preso il pullman per arrivare alla stazione, e poi il treno per venire fin qui, puntuale, adesso vado in classe a fare lezione nell’aula vuota, col computer, a 25 alunni che mi guardano da casa, da piccoli quadratini offuscati su uno schermo. E’ assurdo fare lezione così; ed è insensato che io non possa farla – se devo – da casa mia; eviterei almeno mille contatti fisici durante il tragitto (e possibili infezioni) per arrivare in un’aula deserta. Sbaglio?”.

No. Non è affatto sbagliato. Nelle maglie dei Dpcm si annidano incongruenze, genericità, contraddizioni, forse inevitabili visti i tempi e la fretta con cui si opera. Comprendo. Resta il fatto che è illogico che situazioni come questa continuino. Chi può provveda, e quando non ci sono attività laboratoriali si eviti al docente di stare in classe di fronte a banchi vuoti.

Memoriale Coronavirus

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Segnalati docenti negazionisti che scherniscono gli studenti e fanno togliere le mascherine”: il Cts ha chiesto alla Azzolina di monitorare

next
Articolo Successivo

La didattica a distanza è necessaria, ma così si aggrava il disastro culturale creato da Internet

next