Diciotto anni di carcere per l’ultimo capo dei Cuntrera-Caruana, il clan specializzato in narcotraffico che da mezzo secolo si muove tra la Sicilia, il Venezuela e il Canada. È diventata definitiva la condanna per Alfonso Caruana, conosciuto come il “boss dei Due Mondi“. La Cassazione ha infatti dichiarato inammissibile il ricorso che i suoi legali avevano presentato contro la sentenza pronunciata nel 2019 dalla Corte d’Appello di Torino.”È una grande soddisfazione per me e per le tante persone che hanno lavorato per arrivare a questo risultato”, ha detto il magistrato Sandro Ausiello, ex procuratore aggiunto a Torino, ora in pensione, “Dopo 26 anni si è finalmente conclusa una vicenda che riguardava uno dei personaggi più significativi del gotha della criminalità organizzata”.

Ausiello fu uno dei pm della maxi-inchiesta Cartagine, scaturita nel 1994 dal sequestro a Borgaro Torinese di un tir con 5 tonnellate di cocaina proveniente dal Sud America. Caruana, considerato una delle figure chiave della criminalità organizzata, ha 74 anni ed è attualmente detenuto. La pronuncia della Cassazione chiude un procedimento giudiziario avviato dalla direzione Distrettuale antimafia del Capoluogo subalpino. Caruana fu individuato in Canada dopo un’indagine condotta da un ufficiale dei carabinieri, Paolo Palazzo, oggi colonnello in forza alla squadra di polizia giudiziaria della procura subalpina. Dopo l’arresto, iniziarono le complesse procedure per l’estradizione: fu l’allora procuratore generale Marcello Maddalena a ottenere il ‘via libera’ per il processo a Torino.

Giustizia di Fatto - Ottieni i i dossier e le informazioni più importanti per essere sempre informato su tutto ciò che avviene nell'ambito della Giustizia

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Costringevano i commercianti a comprare gadget a prezzi fuori mercato”: sei arresti per estorsione a Napoli

next
Articolo Successivo

Trattativa Stato-camorra, io bambino e quel ricordo sul sequestro Cirillo che non mi dà pace

next