Gaia, la vincitrice dell’ultima edizione di “Amici”, durante l’intervista con Claudia Rossi e Andrea Conti in diretta Facebook su Il Fatto Quotidiano, ha parlato anche del tema del body shaming. “Credo sia un problema della società – ha spiegato la cantautrice – e purtroppo è un problema che c’è da molti anni. Il body shaming è radicato e oggi ha una cassa di risonanza maggiore a causa dei social, dove ognuno pensa di dire la propria sempre e comunque. Molte persone feriscono e non lo sono, sono ferite che colpiscono la mente e possono modificare anche l’approccio di una persona nei confronti della vita. Per questo dico che è importante la libertà di amarsi, che è un atto di coraggio. Non esistono difetti ma solo caratteristiche del nostro corpo, ognuno di noi deve accettarsi e amarsi”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Chiara Ferragni mostra il pancione alla 18esima settimana di gravidanza: “Ora sì che si vede davvero”

next
Articolo Successivo

Gaia a FqMagazine: “Rispettare le norme di sicurezza contro il Covid-19 è una responsabilità civile non un fatto generazionale”

next