Dorme stremata con la testa appoggiata al volante, con la tuta e la maschera anti contagio per proteggersi dal Covid-19. Lo scatto che raffigura Aurora Tocco, infermiera all’ospedale Santa Sofia di Palermo, è diventato in poco tempo virale sui social. A scattare la foto è stato un suo collega che, come riporta livesicilia.it, ha atteso con lei 8 ore il ricovero di un paziente Covid che avevano trasportato in ambulanza finito all’ospedale.

È stata proprio Aurora Tocco, originaria di Cinisi, a spiegare cosa c’è dietro a quella foto. “Non serve aggiungere altro. Non ci siamo mai definiti eroi e non pensiamo nemmeno di esserlo”, scrive la ragazza su Facebook. “Siamo dei professionisti che svolgono il proprio lavoro come fanno tanti altri, lavoro che scegliamo nonostante la stanchezza e la paura, ma che abbiamo la fortuna di svolgere”.

Nel post, il suo pensiero va a chi nei mesi del lockdown e in quelli che verranno si ritroverà a non avere un lavoro. “Serve l’impegno di ognuno di noi – ricorda l’infermiera – Perché superare questo difficilissimo momento sanitario, sociale ed economico è responsabilità di tutti e non bisogna considerarlo come qualcosa distante da noi”, conclude.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, quasi 50mila domande per il bando sul contact tracing. Disponibili 2mila posti per aiutare le Regioni nel tracciamento

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Brusaferro (Iss): “Attenzione alle soglie dei ricoveri. Se le superiamo, chi ha altre patologie non troverà posto”

next