Terzo giorno di manifestazioni a Napoli contro le chiusure e le misure restrittive previste dall’ultimo Dpcm e dalle ordinanze emanate nei giorni scorsi dal presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca. Il corteo, promosso da commercianti e imprenditori ha visto la partecipazione anche di numerosi cittadini che hanno voluto esprimere solidarietà alle categorie messe a dura prova dalle chiusure anticipate dei locali e delle attività. In 2000 hanno sfilato per le vie del quartiere intonando slogan e mostrando striscioni di protesta conto il premier Conte e il governatore campano. Il corteo, che ha violato l’orario del coprifuoco, fissato in Campania per le 23, si è concluso senza incidenti

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lavoratori dello spettacolo protestano al Piccolo di Milano: “Tanti teatri moriranno”. Si unisce anche Paolo Rossi: “Priorità è anche la cultura”

next
Articolo Successivo

Catania, tensione alla manifestazione contro le chiusure: lanci di bombe carta davanti alla prefettura e scontri tra manifestanti

next