Neanche morto, mi piace fare altre cose. Devo essere chiaro: se utilizzassi il lavoro fatto per il tavolo su Roma (durante il suo lavoro al ministero per lo Sviluppo economiaco, ndr) per candidarmi a sindaco, sarei un cialtrone. Non lo farò”. Era il febbraio del 2018 quando Carlo Calenda, allora ministro per lo Sviluppo economico del governo Gentiloni, allontanava così l’ipotesi di una sua eventuale corsa a sindaco della Capitale. Ieri sera il leader di Azione ha ufficializzato, al contrario, che si candiderà. E così sui social ha cominciato a circolare il video con le dichiarazioni di due anni fa. “All’epoca – ha precisato Calenda su Twitter – mi si accusava di voler usare il lavoro, richiesto dai sindacati, sul tavolo per Roma come lancio per una candidatura. Spiegai che non ci pensavo proprio, non volevo fare politica. E di fatti non mi candidai alle elezioni politiche”

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5s, Crimi: “Stati generali sono ‘stop and go’ per andare avanti più uniti e forti di prima”

next
Articolo Successivo

“La candidatura di Calenda a sindaco di Roma è contro tutto quello in cui il Pd crede”: l’attacco del segretario dem della Capitale

next