Ora è ufficiale: Carlo Calenda scende in campo alle prossime elezioni per diventare sindaco di Roma: “È un dovere e una grande avventura”, dice a Che tempo che fa su Rai3. Per ora si tratta di una candidatura a titolo personale, ma le trattative nel campo del centrosinistra sono in corso: “Non posso parlare per il Pd, partecipo a un tavolo“. L’ex ministro dello Sviluppo economico scioglie quindi tutte le riserve, anche se respinge sin da subito l’idea di competere con altri esponenti del centrosinistra per guadagnarsi la candidatura: “Fare le primarie oggi sarebbe complicato, farle più avanti significherebbe parlarci addosso per mesi“.

Come già trapelato nei giorni scorsi, quindi, l’ex ministro dei governi Renzi e Gentiloni si candida con la sua creatura Azione per conquistare la Capitale, ma l’auspicio è che intorno al suo nome ci sia “un appoggio largo. Il Pd dovrebbe sostenere la mia candidatura se pensano sia la persona adatta a governare Roma”. Una invito che Calenda rivolge direttamente a Nicola Zingaretti, accusando il suo partito di aver “cambiato idea” sul Movimento 5 stelle: “Il Pd diceva mai con i pentastellati e hanno cambiato idea, io sono ancora là“. Nel corso dell’intervista, Calenda non risparmia attacchi proprio agli alleati dei dem al governo: “La politica è anche mettere le persone giuste al posto giusto ed entrambi pensiamo che la gestione 5 Stelle di Roma sia stata disastrosa, visto che tutti gli indicatori sono peggiorati”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, il presidente del Consiglio Conte presenta il nuovo Dpcm: la diretta

next
Articolo Successivo

Conte: “Nuove misure per evitare un altro lockdown”. Si potranno chiudere vie e piazze. Orario flessibile nei licei. Stop a gare sportive dilettantistiche e rinvio di 7 giorni per le palestre

next