Sono pochi i gestori dei locali sui Navigli di Milano disposti a parlare davanti a una telecamera dopo la nuova stretta sui locali della movida. Sono molto arrabbiati e delusi dall’accanimento nei loro confronti, ma quelli che decidono di parlare denunciano la totale mancanza di controlli: “Le regole sul coprifuoco e sul distanziamento dei tavoli nei locali ci sono, ma chi le rispetta qui? Nessuno. Sono rimasto fino all’una di notte qualche sera fa per vedere se qualcuno veniva a sanzionare i locali che, con le saracinesche abbassate a metà, servivano da bere, ma non si è visto nessuno”, racconta il titolare di un ristorante. Un altro gestore aggiunge: “Io non voglio fare lo sceriffo, pretendo che questo lavoro lo facciano le forze dell’ordine. Se non si controlla che le regole vengano rispettato è normale che i casi poi aumentino”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Milano, travolge due pedoni all’incrocio e poi scappa: incastrato dalle telecamere

next
Articolo Successivo

New York, la statua di Medusa davanti al tribunale omaggia la rabbia delle donne vittime di abuso

next