di Andrea Taffi

Non sono mai stato un simpatizzante del governatore della Campania Vincenzo De Luca, anzi (per dirla a modo suo) non mi piace proprio per niente. Eppure, questa volta sono d’accordo con lui, con la sua decisione di ordinare la chiusura delle scuole fino al 30 ottobre prossimo.

I contagi da Covid-19 aumentano giorno dopo giorno; la Campania è una delle regioni più colpite, più a rischio di deflagrazione, e De Luca, in perfetta coerenza con quanto aveva già annunciato e con il coraggio che lo contraddistingue, prende una decisione che è drastica, certo, che è drammatica, vero, ma che (io credo) era necessaria, e non soltanto in Campania.

Ecco, è proprio questo il punto, il motivo che mi fa condividere l’inasprimento delle restrizioni del governatore campano. De Luca fa, a modo suo e forse in maniera scomposta, quello che il Governo nazionale non ha il coraggio di fare. E nel fare quello che ha fatto, De Luca costringe il Governo a valutare con più attenzione e con più coraggio l’aumento dei contagi e le conseguenze che questo finirà (secondo quello che è un comune sentire) per avere sull’ambito economico e sociale del nostro Paese.

In sostanza, De Luca dice – con i fatti, non con le parole – quello che in Italia non si vuole dire, anche se lo si pensa (di nascosto), ossia che la scuola, il suo rimanere aperta al di là di tutto, è una questione ideologica. Il Movimento 5 stelle (meglio: la ministra Lucia Azzolina) ne hanno fatto una questione che va ben al di là del puro principio e cha ha trasformato la scuola in una specie di baluardo contro il virus, una frontiera, una barricata sulla quale combattere la forza del Covid-19.

Ecco, De Luca ha fatto capire che non deve essere così, che non può essere così. La scuola è soggetta al virus come qualunque altra cosa a questo modo. Certo, i numeri dimostrano che non è una fonte di contagio diretto: si sono ammalati di coronavirus pochi alunni e pochi insegnanti, eppure la sua debolozza, il suo prestare il fianco al nemico virus sono lo stesso presenti e si manifestano sotto forme diverse, se vogliamo persino più subdole e pericolose.

Fa più paura quello che avviene fuori dalla scuola che non quello che succede dentro. Tuttavia il Governo (il Movimento 5 stelle) sembra non volerlo sentire. Non sto dicendo che si debbano chiudere tutte le scuole, voglio solo dire che si può ridurre il numero di studenti che vanno a scuola, a partire da quelli più grandi, per i quali la didattica a distanza non creerebbe problemi. Questo lascerebbe alto il vessillo della scuola (comunque presente e operante), ma consentirebbe di alleggerire il carico virulento sul resto del Paese.

Il Governatore De Luca è stato drastico, certo, ma ha solo rinunciato a parlare con chi si rifiuta di ascoltare, e lo ha fatto non sine die, ma per quindici giorni, nella speranza che gli esiti della sua decisione siano fausti e che la sua ordinanza possa essere, se non di esempio, almeno di aiuto per chi si ostina a ragionare con l’ideologia e non con il cervello e la logica. Perché al Covid-19 non interessa nulla della politica, dell’ideologia o del “quanto siamo stati bravi a…”.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il governo verso una nuova stretta. Speranza: “Ristoro per le attività chiuse”. Chigi: “Anticipazioni di queste ore sono fughe in avanti, domenica comunicazioni di Conte”

next