“All’interno del grande contenitore dei tamponi, c’è circa un 40% di tamponi ripetuti per i soggetti a cui va verificata la guarigione virologica. I 100mila tamponi al giorno non equivalgono strettamente al testing and tracing. In questo senso molti media commettono un errore clamoroso, perché riportano il rapporto tra casi positivi e tamponi totali”. A dirlo è il direttore della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta, che intervistato da Peter Gomez e Simone Ceriotti, rispettivamente direttore e vicedirettore de IlFattoQuotidiano.it, ha fatto chiarezza sui numeri che vengono diffusi ogni giorno dalla Protezione civile e che riguardano la diffusione del contagio da Covid-19 nel nostro Paese.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sabato a Roma la marcia “contro l’uso politico del Covid”. Viminale: “Massimo rigore e fermezza su mascherine e distanziamento”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Cartabellotta spiega l’aumento dei casi con la metafora del fiume che si immette in un lago: “Bisogna evitare che travalichi gli argini”

next