Dove c’è Lorella Cuccarini, non può mancare Heather Parisi. La “nemiamatissima” si è buttata nella mischia edè intervenuta nella querelle tra la ballerina e il concorrente del “Grande Fratello Vip” Tommaso Zorzi. Argomento: i diritti della comunità LGBT+. Un intervento, quello della Parisi, a gamba tesa: “Se uno dice ‘se avessi un figlio gay lo amerei come qualsiasi altro figlio’ (ma va?) e poi è contrario ad adozioni gay e matrimoni tra persone dello stesso sesso, non vuol dire che ‘non è allineato al politicamente corretto’. Vuol dire che è omofobo e pure ipocrita. Punto”, ha scritto la ballerina su Twitter. Da Zorzi, la Parisi era stata difesa e definita “un po’ più intelligente”.

Da sempre contro le adozioni per le coppie omosessuali, Lorella Cuccarini era stata contestata dall’influencer Zorzi all’interno della Casa del reality di Canale 5. L’attacco era stato senza mezzi termini: “Ultimamente la Cuccarini mi sta proprio sul ca… una stron*a! Si è espressa 150 volte contro i diritti gay quando non c’è un etero che abbia mai ballato “La Notte Vola” da quando è nata quella canzone. Ma stai zitta, ma taci. Da una che sui gay ci ha costruito una carriera…”. La risposta di Lorella Cuccarini non si era fatta attendere. La showgirl, infatti, non ci sta a passare per omofoba: “Non sono sempre allineata al ‘politicamente corretto’: se mi si chiede un’opinione sulle adozioni o sulla pratica dell’utero in affitto, posso pormi delle domande e non essere a favore. Questa non è e non sarà mai una dichiarazione contro la comunità Lgbt e i diritti delle persone che vi appartengono”, aveva scritto Cuccarini, ribadendo che “se avessi un figlio gay, sia chiaro, lo amerei profondamente come qualsiasi altro figlio”, è un estratto del messaggio pubblicato ieri sui suoi social.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Grande Fratello vip, Maria Teresa Ruta: “Mima la masturbazione”. Fulvio Abbate furioso: “Si metta nel cu*o la sua mentalità borghese”

next
Articolo Successivo

“Sono in lista”, la storia e i segreti dei club di Milano dagli anni ’70 ad oggi

next