La scuola in Campania riparte a singhiozzo tra espedienti high-tech, per garantire sicurezza a studenti e personale, ma anche molti dubbi e proteste. Oggi hanno riaperto i plessi non impiegati come seggio elettorale, negli altri istituti la campanella suonerà invece tra il 28 settembre ed il 1 di ottobre. Non sono mancate proteste. Alcuni tra docenti e personale scolastico hanno manifestato davanti la sede del Comune di Napoli chiedendo rassicurazioni sulla fornitura di dispositivi di protezione, avanzamento dei lavori negli edifici e nuovo personale. “Ad oggi – dicono i manifestanti – molte scuole non sono in grado di riaprire. In alcune manca addirittura il sapone per le mani”.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tamponi rapidi, a Bracciano la prima scuola in Italia ad averli adottati: “Massima partecipazione di docenti e alunni”. Ecco come funzionano

next
Articolo Successivo

C’è chi raccoglie le verifiche con le pinzette e chi le immerge nell’alcol. Io opterei per l’esorcismo

next