L’ex ras delle cooperative tra i principali imputati nell’inchiesta Mondo di Mezzo, Salvatore Buzzi, non sarà ospite, come annunciato in precedenza, del programma di Corrado Formigli Piazzapulita. Lo ha annunciato proprio il giornalista con un post su Facebook in cui spiega che, dopo un primo accordo raggiunto tra le parti, Buzzi è tornato sui suoi passi chiedendo il pagamento di un alto cachet per sottoporsi alle domande del conduttore davanti alle telecamere.

“Come avevo anticipato in diverse interviste alla vigilia della nuova stagione, Salvatore Buzzi sarebbe dovuto essere ospite di Piazzapulita. Lo avrei intervistato a tutto campo sui crimini per i quali è stato condannato e sul sistema corruttivo di cui lui e Carminati facevano parte. Buzzi, parlando direttamente con me, aveva garantito la sua presenza. Successivamente ha però chiesto un cachet sostanzioso, insomma ha messo come condizione per comparire in tv quella di essere profumatamente pagato”, ha spiegato Formigli nel suo post.

Così, dopo questo cambio di posizione, la redazione ha deciso di non ospitare più Buzzi: “La nostra decisione, d’accordo con La7 e il direttore Andrea Salerno, è stata di non accettare la sua richiesta. Per questo domani non vedrete Salvatore Buzzi a Piazzapulita“, ha concluso il conduttore.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Azienda decotta e kit mai validati”: tutti i dubbi su “Daily tampon”, il test rapido brianzolo che promette responso in 3 minuti

next
Articolo Successivo

Caporalato, lavoratore agricolo picchiato dal proprietario dell’azienda: aveva minacciato di denunciarlo perché sottopagato. Il video

next