Il 16 settembre Ursula von der Leyen è intervenuta al Parlamento europeo per fare il punto sullo stato dell’Unione. A un certo punto, mentre parlava delle politiche sui flussi migratori e criticava l’approccio delle destre europee, è stata interrotta da Jorg Meuthen, leader del movimento xenofobo e di estrema destra Alternative für Deutschland, che fa parte del gruppo a cui aderisce anche la Lega di Matteo Salvini, evidentemente infastidito dalle parole della presidente della Commissione europea. “C’è una differenza fondamentale di come le destre guardano all’essere umano. Ci sono loro, che predicano l’odio, e ci siamo noi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bielorussia, il Parlamento Ue non riconosce Lukashenko (con l’astensione della Lega). “Indagine internazionale per Navalny”

next
Articolo Successivo

Recovery fund, via libera Ue a riforme per spostare il carico fiscale dal lavoro ad altre voci. Senza effetti sulle entrate totali

next