Brad Pitt e Jennifer Aniston recitano in streaming una scena hot e Brad per l’imbarazzo arrossisce. È accaduto tutto online durante una “table read” ovvero radunare un gruppo di attori per recitare copioni di film cult seduti attorno al tavolo di casa propria. Pitt e la Aniston si sono così ritrovati sullo stesso schermo praticamente dal 2005, l’anno del loro divorzio, nei panni di due dei protagonisti di Fuori di testa, il film del 1982 diretto da Amy Heckerling. Con loro virtualmente in scena, tra gli altri, anche Ray Liotta, Julia Roberts, ShiaLaBeouf, Jimmy Kimmel, Matthew McConaughey e Morgan Freeman. La Aniston ha interpretato Stacy, mentre Pitt era nientemeno che uno dei protagonisti più importanti, l’omonimo Brad, studente all’ultimo anno di scuola e venditore di hamburger part-time.

L’ilarità generale è però deflagrata quando la Aniston ha condiviso una scena piuttosto piccante con Pitt. È infatti Brad a fantasticare su Stacy mentre la vede arrivare al party in piscina con addosso un bikini rosso quasi invisibile. Morgan Freeman, che nella table read di Fuori di testa ha letto le indicazioni di scena, ha così descritto la scena e lasciato la battuta chiave alla Aniston: “Brad, sei così sexy!”. Battuta che ha fatto letteralmente ghignare tutti i presenti (Roberts e McConaughey su tutti) e ha fatto arrossire Pitt in uno dei più difficili split screen della sua carriera. Fuori di testa fu un cult comico dell’epoca, scritto da Cameron Crowe lanció attori come Sean Penn, Anthony Edwards (il dottor Green di ER), e Jennifer Jason Leigh.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Banksy, “niente diritti a un anonimo”: l’Ue gli toglie il copyright del “Lanciatore di fiori”

next
Articolo Successivo

Cesare Cremonini ‘recensisce’ il nuovo disco di Samuele Bersani

next