“Una donna può anche essere bella di natura, ma se non si mette un po’ di rossetto, dove va?“. Sono le parole pronunciate ieri sera, durante il comizio, dall’ex senatore Luigi Perrone, ora candidato a sindaco di Corato, in provincia di Bari. Perrone era stato eletto a Palazzo Madama nel 2013 nelle liste del Popolo della Libertà. Durante la legislatura, seguendo Raffaele Fitto, si era iscritto al partito Conservatori e Riformisti e, nel 2017, era passato al gruppo Misto, per poi formare il gruppo Noi con l’Italia. Alle elezioni del 2018 ci ha riprovato, sostenuto dal centrodestra, senza successo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tra i candidati in Puglia indagati e imputati, trasformisti e dinosauri della politica: quasi in 1000 corrono per un seggio in Regione

next
Articolo Successivo

Arturo Lorenzoni, dimesso dall’ospedale il candidato del centrosinistra in Veneto: dovrà stare ancora in isolamento per il Covid

next