Sedici casi di legionella sono stati accertati nelle scorse ore a Busto Arsizio, in provincia di Varese. Una delle persone che hanno contratto il batterio è morta. La comunicazione è stata data nella tarda serata dall’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera.

“Le autorità sanitarie territoriali – ha spiegato l’assessore – si sono attivate immediatamente e hanno realizzato i prelievi e la campionatura delle acque nelle abitazioni di residenza, il controllo degli impianti idrici (acquedotto) e delle torri di raffreddamento”.

Le analisi di laboratorio sono in corso. Nel frattempo, in via precauzionale, ha aggiunto Gallera, è stata “eseguita una iperclorazione dell’acqua” e “sono in corso ulteriori accertamenti igienici e sanitari previsti dai protocolli di sicurezza”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Berlusconi positivo, De Benedetti: “Gli faccio i miei auguri, ma resta un grande imbroglione”. Marina: “Commiserazione per le sue parole”

next
Articolo Successivo

Batterio killer tra i neonati a Verona: sospesi il direttore sanitario dell’ospedale Borgo Trento, il primario di Pediatria e un medico

next