Sedici casi di legionella sono stati accertati nelle scorse ore a Busto Arsizio, in provincia di Varese. Una delle persone che hanno contratto il batterio è morta. La comunicazione è stata data nella tarda serata dall’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera.

“Le autorità sanitarie territoriali – ha spiegato l’assessore – si sono attivate immediatamente e hanno realizzato i prelievi e la campionatura delle acque nelle abitazioni di residenza, il controllo degli impianti idrici (acquedotto) e delle torri di raffreddamento”.

Le analisi di laboratorio sono in corso. Nel frattempo, in via precauzionale, ha aggiunto Gallera, è stata “eseguita una iperclorazione dell’acqua” e “sono in corso ulteriori accertamenti igienici e sanitari previsti dai protocolli di sicurezza”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Berlusconi positivo, De Benedetti: “Gli faccio i miei auguri, ma resta un grande imbroglione”. Marina: “Commiserazione per le sue parole”

next
Articolo Successivo

Batterio killer tra i neonati a Verona: sospesi il direttore sanitario dell’ospedale Borgo Trento, il primario di Pediatria e un medico

next