Arrivano i primi provvedimenti disciplinari per il personale sanitario dell’ospedale Borgo Trento di Verona, dove si è propagata l’infezione da Citrobacter costata la vita a quattro neonati e su cui la magistratura ha aperto un’inchiesta. In un comunicato dell’azienda ospedaliera, si legge che “a seguito delle risultanze della relazione della Commissione Ispettiva Regionale“, a partire da sabato 5 settembre 2020 “vengono sospesi in via cautelare secondo condizioni cautelari tre medici“. Si tratta della dottoressa Chiara Bovo, direttore Sanitario dell’Azienda ospedaliera, del Direttore medico della struttura Giovanna Ghirlanda e del primario di Pediatria Paolo Biban.

Il provvedimento arriva dopo la conclusione dei lavori della commissione istituita dalla Regione Veneto per fare chiarezza sulla vicenda. Un dossier molto severo che attribuisce responsabilità precise ai chi gestiva i reparti di Terapia Intensiva Pediatrica e Terapia Intensiva Neonatale dell’ospedale, che sono stati chiusi a giugno assieme al punto nascite di Ostetricia, il più importante del Veneto. Nella relazione si legge che ci si è trovati “di fronte ad una contaminazione a partenza ambientale che ha portato ad una diffusione del patogeno, con comparsa di infezioni invasive, con una iniziale sottostima e con il riconoscimento tardivo del problema da parte dei medici della Terapia Intensiva Neonatale, con conseguente scarso coinvolgimento del Comitato infezioni ospedaliere almeno fino al 1° trimestre del 2020”. Il batterio-killer era annidato nei rubinetti e non sarebbero state rispettate le norme igieniche richieste negli ambienti sanitari. Finora sono stati identificati 91 soggetti positivi per Citrobacter koseri (88 positivi alla ricerca diretta dell’agente microbico, 2 casi con positività su indagini molecolari ed 1 positivo ad entrambe le indagini). Nove di loro hanno sviluppato una patologia invasiva causata da Citrobacter koseri classificabile come certa o altamente probabile, mentre sarebbero quattro i neonati morti.

Nel frattempo va avanti l’inchiesta della magistratura. L’ipotesi di reato è quella di “omicidio colposo plurimo“, ma al momento non risulta alcun indagato. “Abbiamo acquisito la relazione della Commissione ispettiva dalla Regione Veneto, con la quale siamo sempre stati in contatto”, ha dichiarato nelle scorse ore il procuratore Angela Barbaglio. “Le conclusioni verranno confrontate con il materiale finora raccolto dai carabinieri del Nas, che hanno già ottenuto le cartelle cliniche dei bambini. Il nostro compito è capire se ci siano delle responsabilità penali per quanto accaduto”. L’intervento dei pm è stato sollecitato nei giorni scorsi dal governatore veneto Luca Zaia, il quale ha chiesto anche alla direzione dell’ospedale di procedere con i provvedimenti disciplinari. A Verona sono attesi in questi giorni pure gli ispettori inviati dal ministero della Salute.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili