Decine di scuolabus si sono dati appuntamento sul lungomare di Napoli, per chiedere un sostegno affinché i 150 autisti convenzionati con il Comune possano riprendere a lavorare in vista della riapertura delle scuole. I conducenti dei bus puntano il dito sulle linee guida per il trasporto scolastico definite alla conferenza Stato-Regioni. “Con le attuali disposizioni ogni mezzo potrà trasportare massimo 5 o 6 bambini al giorno, mentre in precedenza il servizio ne prevedeva 20 – dicono i conducenti – diventerebbe antieconomico svolgere il servizio a meno che non si trovino 5 o 6 genitori folli disposti a pagare una retta di 200 o 300 euro”. Inoltre quello che preoccupa è anche la possibilità di liberalizzare il servizio. “Si parla di concedere permessi anche a chi ha una macchina – protestano – non vogliamo che tassisti e privati ci tolgano il lavoro”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rientro a scuola, servono tamponi costanti come per i calciatori. O l’istruzione conta meno?

next
Articolo Successivo

Test d’ingresso Medicina, Manfredi: “Iscritti in isolamento? Questione giuridica delicata. Dopo la prova valuteremo soluzioni per loro”

next