Insegnanti in pensione ed ex alunni per garantire a tutti gli studenti la didattica in presenza. Il Liceo Scientifico Bottoni di Milano ha scelto questa strada in vista della riapertura a settembre. “Una soluzione temporanea per poter partire con tutti i ragazzi a scuola” spiega la dirigente scolastica Giovanna Mezzanotte che ha stipulato una convenzione con l’associazione. Non Uno di Meno. “Non si sostituiscono agli insegnanti – racconta la dirigente sottolineando il problema strutturale della carenza di organico della scuola – ma svolgeranno attività parallele con gruppi di studenti di classi diverse che, a turno, lasceranno la propria aula per facilitare il distanziamento”. L’obiettivo è tenere tutti a scuola evitando di dover ricorrere alla didattica a distanza. “Non ho nulla contro la Dad, ma era una didattica di emergenza” racconta la preside mentre controlla le nuove aule di “sdoppiamento”. In alcune mancano ancora i banchi. “Ne abbiamo ordinati un centinaio, dovrebbero arrivare per settembre, ma nel frattempo ci siamo mossi anche per conto nostro”. Subito dopo l’esame di maturità hanno acquistato dei banchi autonomamente per essere pronti per settembre. Tra i corridoi del “Bottoni” ogni spazio inutilizzato è stato trasformato in un’aula. I laboratori linguistici e artistici ospitano banchi, sedie e cattedre. Perfino in giardino saranno montati quattro gazebo per tenere lezioni all’aperto, tempo permettendo. L’ingresso sarà diviso su due turni e si potranno utilizzare tre portoni diversi: “Sempre che la Città Metropolitana riesca a sistemare uno dei gradini, stiamo ancora aspettando” sospira la preside. E quando le si chiede quale sia stata la difficoltà più grande in questo periodo non ha dubbi: “Non la mancanza di indicazioni, ma le indicazioni contraddittorie. Cambiarle in corso d’opera non ha favorito nulla e nessuno”

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

“Nei bambini i casi gravi di Covid sono rari: mandarli a scuola non li espone a rischi diretti”: lo studio del British Medical Journal

next
Articolo Successivo

Test sierologici ai docenti, c’è chi si rifiuta. L’appello del numero 1 dei presidi agli insegnanti: “È un atto di civiltà collettiva”

next