L’11 luglio è una data che Ghali ricorderà per tutta la sua vita. Quella sera, infatti, una fan di Benevento si è intrufolata nella villetta del rapper a Buccinasco, fuori Milano, prendendo prima a calci la sua auto, poi entrando in giardino e rompendo alcuni oggetti ornamentali, quando poi l’artista è uscito di casa è stato ricoperto di insulti e parolacce. Infine la ragazza, in preda al deliro, ha tentato di colpirlo con una bottiglia. Da allora Ghali non ha voluto commentare quanto accaduto, sono passate alcune settimane e il rapper ha voluto con un lungo post rassicurare i fan.

Dobbiamo avere ancora un po’ di pazienza. – inizia così il post di Ghali – Tornerà tutto come prima, più di prima. Domenico Modugno mi piace di brutto e godo nell’ascoltare la sua musica. Ci sono delle cose che inizi ad apprezzare solo dopo un po’ come il caffè, tutte le verdure, il vino o il mono ciglio che mi sto lasciando crescere. DNA dopo 7 mesi dall’uscita è ancora tra i 10 dischi più venduti in Italia. Mi piace osservare come si muovono i miei colleghi e anche se abbiamo già un sacco di nuova musica aspetterò le loro uscite da fan. Sono curioso, ho voglia di ascoltare”.

Poi il discorso si sposta su quella fatidica sera: “Da quando quella ragazza (fan?) mi è entrata in casa mettendo in pericolo la vita mia e di mia madre c’è stato un unlock dentro di me. Non arrabbiatevi con me se mi capiterà di dire di no ad alcune foto e se a testa bassa camminerò veloce. Sto imparando a mettere la mia arte prima di tutto”.

Quindi l’artista si lancia poi in un discorso a tutto tondo sullo stato d’animo del momento: “Non pensavo ci si potesse disintossicare da certe relazioni così velocemente. In alcuni paesi arabi ci sono delle rivolte e io non dico niente perché ho paura. In Italia continuano ad arrivare barconi e io zero. Dopo George Floyd feci un video di 8 minuti in cui dicevo la mia ma non ho avuto le palle di condividerlo. A volte avere paura è da egoisti del cazzo. Mio padre pure zero. Con certe persone non mi è venuta voglia di parlare nemmeno in un momento fragile come questo. Discuto molto meno con mia madre ed ho smesso di fumare sigarette da più di un mese ormai ma essendo la persona meno costante sulla faccia della terra non so come finirà”.

Ghali tornerà sulle scene per due grandi eventi. Prima il 5 settembre ai “Seat Music Awards” dall’Arena di Verona, per il grande evento a sostegno dei lavoratori dello spettacolo in onda in prima serata su Rai Uno. Successivamente l’artista sarà presente al primo concerto in streaming “Heroes”, in programma domenica 6 settembre a partire dalle 19, sempre all’Arena di Verona con più di 40 artisti per 5 ore di musica live. L’iniziativa appoggia “Sosteniamo la musica” a favore dei lavoratori della musica, penalizzati dalla crisi del Covid-19.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Irama, il ‘re’ delle classifiche estive a FqMagazine: “I giovani accusati per l’impennata del Covid? Facile cercare un capro espiatorio”

next
Articolo Successivo

Samuel sposta il tour, un membro del suo staff ha il Covid-19: “Fermarsi era doveroso per garantire la salute di tutti, ripartiamo a breve”

next