Dopo l’autorizzazione a procedere concessa dalla Camera il 5 agosto scorso, la procura di Genova che indaga sui fondi della Lega ha dato mandato alla Guardia di finanza di perquisire la sede della Boniardi Grafiche srl, di cui è titolare il deputato leghista Fabio Massimo Boniardi. I finanzieri del nucleo di polizia economico finanziaria, guidati dal colonnello Maurizio Cintura, hanno varcato le porte dell’azienda per acquisire documenti cartacei e informatici su disposizione del procuratore aggiunto Francesco Pinto e del sostituto Paola Calleri. Boniardi, che non è indagato, aveva eletto il domicilio presso la tipografia e quindi lo scorso dicembre non era stato possibile procedere con la perquisizione. La procura si era quindi appellata al Parlamento per ottenere l’autorizzazione, rilasciata a inizio agosto a cinque mesi dalla richiesta dei magistrati.

Prosegue quindi senza sosta l’inchiesta sui fondi del Carroccio aperta ormai due anni e mezzo fa con l’ipotesi che i 49 milioni di rimborsi elettorali ottenuti dal partito tra il 2008 e il 2010, falsificando rendiconti e bilanci (come confermato dalla Cassazione, che però ha dichiarato prescritti i reati per Umberto Bossi e per il tesoriere Belsito), in realtà siano stati occultati per evitarne la confisca. I magistrati sono a caccia dei mille rivoli in cui, a loro parere, sarebbero finiti i soldi. Una pista punterebbe proprio a Boniardi (non indagato). Secondo gli inquirenti, circa 450mila euro sarebbero stati erogati dalla Lega Nord all’Associazione Maroni Presidente come contributo per l’acquisto di materiale a sostegno delle campagne del partito. Nelle carte si parla di manifesti elettorali e volantini commissionati a due aziende: la Nembo srl e la Boniardi Grafiche, di cui è titolare proprio l’omonimo deputato. I magistrati ipotizzano che tutte o parte delle prestazioni fatturate nei confronti dell’Associazione non siano davvero avvenute. E che il presidente Stefano Bruno Galli (ad oggi l’unico sotto indagine) abbia fatto rientrare i soldi in altri conti correnti riconducibili al Carroccio sotto forma di erogazione liberale. Una ricostruzione finora sempre smentita da Boniardi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Reggio Calabria, arrestata l’ex direttrice del carcere: “Favoriva i detenuti legati alla ‘ndrangheta e concorreva al rafforzamento”

next
Articolo Successivo

Luca Palamara, ministero di Giustizia valuta di costituirsi parte civile nell’eventuale processo

next