Nel 2013 e 2014 era stata premiata da Coldiretti con il riconoscimento Oscar Green. Ora la StraBerry di Cassina de’ Pecchi, che vende frutta e verdura a chilometro zero nel centro di Milano sulle apecar, è stata sequestrata per sfruttamento della manodopera. I lavoratori immigrati, secondo quanto è emerso dalle indagini dei finanzieri della compagnia di Gorgonzola, venivano pagati 4,5 euro all’ora per nove ore al giorno e con contratti che duravano non più di due giorni, poi si interrompevano.

Secondo il Corriere della Sera, il pm Gianfranco Gallo indaga sette persone per intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro: tra loro anche il fondatore Guglielmo Stagno d’Alcontres, trentunenne messinese ex bocconiano di nobili natali, due addetti a sorvegliare la manodopera, un consulente del lavoro addetto alle buste paga e due dipendenti amministrative.

Dai controlli di routine delle Fiamme Gialle sulle banche dati Inps è subito emerso un flusso anomalo di lavoratori assunti per pochi giorni, in modo da aggirare le norme e pagarli meno dei minimi previsti. Oltre al fatto che i migranti, reclutati nei centri di accoglienza, non hanno mai ricevuto mascherine e dispositivi di protezione per il covid.

Sul sito, l’azienda vanta la mission di “produrre secondo i rigidi protocolli dell’agricoltura integrata e nel pieno rispetto dell’ambiente” e spiega di “operare utilizzando l’energia solare prodotta dai pannelli fotovoltaici sopra le serre”. Stagno d’Alcontres nelle interviste raccontava di aver rinunciato a “fare il banchiere”, dopo la laurea, per mettere a frutto i terreni della madre nel Parco agricolo sud senza “speculare sugli incentivi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Undici indagati per la morte della 34enne incinta con dolori addominali che era stata dimessa dall’ospedale di Cosenza

next
Articolo Successivo

Viaggi e regali in cambio di favori: la Procura di Perugia chiede il rinvio a giudizio per il pm Luca Palamara

next