“Abbiamo 945 parlamentari, è ridicolo. È il numero più costoso e più grande del mondo. Non ce lo meritiamo”. Era il 31 maggio 2016 e davanti all’assemblea di Coldiretti, riunita a Milano in occasione della Giornata nazionale del latte, l’allora premier Matteo Renzi sosteneva l’urgenza di ridurre il numero di eletti in vista del Referendum costituzionale del 4 dicembre 2016. “La riduzione del numero dei politici è la priorità per essere credibili” diceva dal palco. Oggi però lo stesso Renzi ha un atteggiamento ben diverso nei confronti del Referendum sul taglio di parlamentari del 20 e 21 settembre. Pochi giorni fa infatti in un’intervista a La Nuova Sardegna ha definito il voto “più inutile che dannoso, una mossa demagogica”

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Taglio parlamentari, il governatore Pd Bonaccini annuncia il suo sì: “È da 30 anni che il centrosinistra propone di ridurli”. Orfini: “Partito si schieri per il No”

next