Sinisa Mihajlovic ha il Covid. L’allenatore serbo, rientrato venerdì a Bologna dopo la vacanza in Sardegna, è stato sottoposto al tampone di controllo ed è risultato positivo al coronavirus. “Il tecnico, che è assolutamente asintomatico, resterà in isolamento per le prossime due settimane, come previsto dal Protocollo Nazionale”, si legga in nota sul sito ufficiale del club. “Sono stati effettuati in questi giorni anche i tamponi sul gruppo squadra della Primavera, risultati tutti negativi. Domani saranno effettuati i test sui giocatori e i collaboratori della Prima squadra”, fa sapere sempre il Bologna.

Il 13 luglio di un anno fa in conferenza stampa Mihajlovic annunciò al mondo del calcio di avere una leucemia in fase acuta. Non ha mai smesso di essere l’allenatore del Bologna, nonostante i mesi di cura all’ospedale Sant’Orsola e il trapianto di midollo. Dopo la pausa proprio per la pandemia, Sinisa è tornato stabilmente a sedere sulla panchina rossoblu in tutte le partire di Serie A.

“State tranquilli, papà sta benissimo ed è completamente asintomatico. Ovviamente anche noi, venendo dalla Sardegna e da Porto Cervo, siamo stati sottoposti al tampone”, ha scritto in un post su Instagram la figlia Viktorija. Proprio sul social network in questi giorni molti vip in vacanza in Costa Smeralda hanno postato foto in compagnia di Mihajlovic: una lo ritrae in compagnia, tra gli altri, di Flavio Briatore e Paolo Bonolis dopo una partita a calcio. In un altro selfie è insieme all’ex calciatore Dario Marcolin e a Zlatan Ibrahimovic.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pirlo, Gattuso, Inzaghi: campioni del mondo e allenatori in Serie A. Ivano Bordon li racconta: “Ecco su chi avrei messo la mano sul fuoco”

next
Articolo Successivo

Miralem Pjanic positivo al coronavirus dopo la vacanza in Sardegna

next