Le poste americane intervengono nel dibattito in corso tra il presidente Donald Trump e i Democratici sulla possibilità di ricorrere al voto per posta in occasione delle prossime elezioni di novembre. Un’ipotesi fortemente respinta dal tycoon che da settimane denuncia la possibilità di condizionare il voto, preoccupato in realtà dal ricorso a questo servizio soprattutto dalla popolazione afroamericana, favorendo il voto delle comunità nere d’America in larga parte contrarie a un secondo mandato del repubblicano. In una lettera inviata a luglio e citata dalla Nbc, il consigliere generale Thomas Marshall ha scritto a tutti i 50 Stati che i milioni di voti spediti via posta potrebbero non arrivare in tempo per essere conteggiati.

Un’ipotesi che rischierebbe di invalidare il voto americano. “Alcune scadenze – è scritto nella lettera – potrebbero essere incompatibili con i nostri servizi di consegna“. Diciotto di questi Stati, inclusi Arizona, Florida e Michigan, hanno confermato di aver ricevuto la missiva e di averla condivisa con l’emittente. Vermont, Wisconsin e Kentucky hanno invece dichiarato di non averla avuta. “Le scadenze per la richiesta e la trasmissione delle schede elettorali per posta sono incompatibili con gli standard di consegna del servizio postale – è scritto nella lettera – Questa discrepanza crea il rischio che i voti non arrivino in tempo per essere conteggiati in base alle leggi dei vostri Stati”, hanno concluso dall’Usps che dal 1971 è stata trasformata in agenzia indipendente, anche se nove delle undici nomine nel board, che a sua volta elegge il direttore generale, sono presidenziali con appoggio del Senato. Sono decine di milioni gli americani con i requisiti per votare via posta alle presidenziali. Un bacino che, a causa della pandemia di coronavirus, in molti Stati è ulteriormente aumentato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Bielorussia, sesto giorno di manifestazioni. Lukashenko: “Non giocate col fuoco. Non rinunceremo mai a questo Paese”

next
Articolo Successivo

Bruciate le sagome di Trump, Netanyahu e Mohammed bin Zayed: palestinesi in rivolta dopo l’accordo tra Emirati e Israele – Video

next