“La nostra condizione di vita è purtroppo assimilabile a quella dei nostri compagni del ‘900. Per questo ci uniamo nella Lega Braccianti per emanciparci”, così Aboubakar Soumahoro, via Twitter, lancia l’associazione di braccianti e lo fa nel giorno della nascita di Giuseppe Di Vittorio, sindacalista e attivista. “Ripartiamo nel fango della miseria, dello sfruttamento e dell’abbrutimento per riprenderci la dignità”, annuncia il sindacalista che da anni si batte per i diritti dei braccianti in un video girato a Borzo Mezzanone, in provincia di Foggia, dove è stata inaugurata la “Casa dei diritti e delle libertà”. Tra gli obiettivi della lotta la parità salariale e l’ottenimento del permesso di soggiorno.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sindacati militari, la legge approvata (con l’inciucio) è un’occasione sprecata

next
Articolo Successivo

Aborto farmacologico, il ministero della Salute ha pubblicato le nuove linee guida: cosa cambia

next