“La nostra condizione di vita è purtroppo assimilabile a quella dei nostri compagni del ‘900. Per questo ci uniamo nella Lega Braccianti per emanciparci”, così Aboubakar Soumahoro, via Twitter, lancia l’associazione di braccianti e lo fa nel giorno della nascita di Giuseppe Di Vittorio, sindacalista e attivista. “Ripartiamo nel fango della miseria, dello sfruttamento e dell’abbrutimento per riprenderci la dignità”, annuncia il sindacalista che da anni si batte per i diritti dei braccianti in un video girato a Borzo Mezzanone, in provincia di Foggia, dove è stata inaugurata la “Casa dei diritti e delle libertà”. Tra gli obiettivi della lotta la parità salariale e l’ottenimento del permesso di soggiorno.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sindacati militari, la legge approvata (con l’inciucio) è un’occasione sprecata

next
Articolo Successivo

Aborto farmacologico, il ministero della Salute ha pubblicato le nuove linee guida: cosa cambia

next