“Ho sentito l’ambasciatore in Polonia per avere notizie del nostro connazionale arrestato a Varsavia insieme ad altri attivisti Lgbt. Avremo novità e fornirò aggiornamenti dopo che il giudice lo avrà sentito in serata. Molto seria la preoccupazione per quanto avvenuto”. Il sottosegretario agli Esteri, Ivan Scalfarotto, sui suoi canali social aggiorna sulla situazione dell’italiano arrestato in Polonia durante una manifestazione a sostegno dei diritti Lgbt, strumentalizzati anche dal presidente rieletto Andrzej Duda, e nel mirino dalle frange più conservatrici tra politica, chiesa cattolica e società civile. Venerdì migliaia di persone si sono riunite nella capitale per protestare contro gli arresti di alcuni esponenti di spicco in Polonia: alcuni sono stati condannati per direttissima a due mesi, scrive Repubblica, mentre in due sono stati prelevati dalla polizia.

Una grande folla di sostenitori dei diritti Lgbt – la maggior parte munite di mascherina – si è riunita per impedire gli arresti, ma è stata manganellata dalla polizia. “Questa è la libertà di pensiero che chiedono Salvini e Meloni, questa è l’Italia che sognano, se così non è, condannino il governo polacco”, ha scritto su Twitter Fabrizio Marrazzo, portavoce del Gay Center, postando un video degli arresti. Tra le persone finite in manette anche l’attivista transgender Malgorzata Szutowicz, meglio conosciuta come Margo. La polizia ha detto di aver arrestato 48 persone, mentre gli attivisti hanno detto che la polizia ha usato tattiche violente contro di loro. “Spingevano in modo aggressivo i manifestanti fuori strada, facendo cadere le persone a terra e tenendole ferme con gli stivali”, hanno denunciato gli organizzatori.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Polonia, disordini a Varsavia durante le proteste per l’arresto di un’attivista Lgbt. In manette anche un italiano

next
Articolo Successivo

Beirut, l’assalto all’Associazione delle Banche del Libano durante le proteste nella notte tra sabato e domenica

next