È morto precipitando per un centinaio di metri dalla cresta Reposoir delle Grandes Jorasses un alpinista 25enne della provincia di Varese. Insieme con altri due compagni, secondo quanto ricostruito dai soccorritori, il giovane aveva aperto una nuova via di ascesa lungo la parete est della Grandes Jorasses, sul versante italiano del massiccio del Monte Bianco. Alle 13.30 circa è caduto, precipitando dall’altezza di 3.450 metri. Inutile l’intervento del Soccorso alpino valdostano e di quello della Guardia di Finanza. L’uomo è morto sul colpo. In una nota si specifica che “l’incidente sul Reposoir delle Jorasses non ha alcuna attinenza con la situazione emergenziale del ghiacciaio Planpincieux.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Spiagge e discoteche, la Puglia aumenta i controlli sul rispetto delle regole anti-Covid

next