“Negli ultimi giorni si è delineata una porzione di circa 500mila metri cubi, che si comporta in modo difforme rispetto al suo contorno ed è contornata da una crepatura molto evidente”. Lo spiega Valerio Segor, dirigente della struttura Assetto Idrogeologico dei Bacini Montani di Aosta, in merito alla situazione attuale del ghiacciaio Planpincieux, nella Val Ferret. “In questo momento il problema sono le importanti variazioni delle temperature che ci sono state in questi giorni, quindi l’alternanza di un periodo molto caldo, poi ha fatto molto freddo e poi di nuovo caldo. Questo va a perturbare il reticolo idrografico”. Nei giorni scorsi è iniziata l’evacuazione di residenti e turisti che occupano la parte bassa della zona.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

All’India d’ora in poi converrà inquinare e a pagare saremo anche noi. Ma ci sono due soluzioni

next