“Negli ultimi giorni si è delineata una porzione di circa 500mila metri cubi, che si comporta in modo difforme rispetto al suo contorno ed è contornata da una crepatura molto evidente”. Lo spiega Valerio Segor, dirigente della struttura Assetto Idrogeologico dei Bacini Montani di Aosta, in merito alla situazione attuale del ghiacciaio Planpincieux, nella Val Ferret. “In questo momento il problema sono le importanti variazioni delle temperature che ci sono state in questi giorni, quindi l’alternanza di un periodo molto caldo, poi ha fatto molto freddo e poi di nuovo caldo. Questo va a perturbare il reticolo idrografico”. Nei giorni scorsi è iniziata l’evacuazione di residenti e turisti che occupano la parte bassa della zona.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

All’India d’ora in poi converrà inquinare e a pagare saremo anche noi. Ma ci sono due soluzioni

next