È il pomeriggio del 4 agosto. Dal porto di Beirut si solleva del fumo, così una coppia, da un grattacielo vicino, inizia a riprendere la scena. Nel video si vedono già i soccorsi sul posto, poi i primi scoppi provenire dall’hangar e, infine, la deflagrazione che è costata la vita a più di 150 persone.

Video Twitter/MMas2ool

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Brasile, scandalo sul dossier del governo: schedati 579 oppositori di Bolsonaro. E risorge l’agenzia segreta operativa durante la dittatura

next
Articolo Successivo

Beirut, presidente Aoun: “Non si può escludere l’aggressione esterna con un missile”. Scontri nella notte tra manifestanti e polizia: 20 feriti

next