Dopo il raddoppio delle vendite registrato a maggio, a giugno 2020 il Il Fatto Quotidiano segna un altro +43,4 per cento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno sulle vendite in edicola e digitale. Lo rivelano i dati di Ads sui quotidiani più diffusi in Italia. In occasione della ripartenza del Paese e della fine del lockdown, i cittadini confermano la fiducia nel Fatto e in poche altre testate: La Verità segna un +21,2% (in linea con i dati di maggio), Il Giornale +4,3% e fa abbastanza bene anche Libero: +3,7%. Stabile il Sole24Ore (+0,1%), mentre i primi due giornali italiani per vendite continuano a perdere terreno: il Corriere della Sera passa dall’1,4% in meno di maggio a -2,8%, mentre Repubblica è in profondo rosso: da -8,6%, a giugno cala a -13,9%. Un’emorragia di copie in controtendenza rispetto alla maggiore richiesta di informazione da parte dei cittadini in tempi di pandemia e in concomitanza con il cambio di direzione imposto ad aprile della nuova proprietà.

Complessivamente, a giugno 2019, sono state perse nelle vendite in edicola altre 480mila copie (-24,3%), nonostante il blocco degli spostamenti sul territorio nazionale dovuto al lockdown sia venuto meno. In controtendenza sulla copia cartacea solo La Verità (+17,7%), Il Fatto Quotidiano (+7,4%), Libero (+6,1%) e Il Giornale (+4,9%). Le versioni digitali, invece, registrano un vero e proprio boom: +27,3%. A goderne di più sono ItaliaOggi, con un exploit del 204%; il giornale diretto da Maurizio Belpietro (+130,4%) e Il Fatto Quotidiano: +119,2%. Consolida la sua presenza digitale (su smartphone, app e tablet) anche Il Giornale (+71,6%), mentre La Stampa si ferma a +4,5%.

Tornando al totale della diffusione (carta+digitale), le testate che fanno peggio di tutte sono ancora quelle sportive, complice la ripresa tardiva del campionato. Corriere dello Sport segna -42,4%, mentre La Gazzetta dello Sport -57,4%. Male anche Messaggero (-21,3%), La Stampa (-17,3%) e Avvenire (-6%). Nella top ten dei quotidiani più diffusi le prime posizioni restano comunque invariate: in cima c’è il giornale di via Solferino con 258mila copie mensili, seguito da Repubblica (ormai ampiamente sotto le 200mila: 169.002 a giugno) e dal gruppo Quotidiano nazionale Qn (150mila).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

La Repubblica tradita

di Giovanni Valentini 12€ Acquista
Articolo Precedente

Sergio Zavoli, un talento unico che non ebbe paura di avventurarsi in basso

next
Articolo Successivo

Giacomo Lasorella presidente Agcom, per l’authority Conte e Patuanelli scelgono il vicesegretario generale della Camera

next