Dopo settimane di bandi d’emergenza andati deserti o ai quali hanno partecipato aziende con mezzi che non rispettavano gli standard richiesti dal Viminale, dal ministero dell’Interno fanno sapere che è stata individuata la prima nave-quarantena che nei prossimi giorni accoglierà i migranti che sbarcano sulle coste siciliane. È la Gnv Azzurra, un’imbarcazione da oltre 1.000 posti fornita dalla compagnia Grandi Navi Veloci che molto probabilmente sarà ormeggiata al largo di Lampedusa e potrà accogliere, oltre al personale di bordo, alle forze di polizia e agli operatori della Croce Rossa, circa 600-700 naufraghi. Al Viminale si sta inoltre lavorando per ottenere una seconda nave di dimensioni più ridotte che verrà trasferita in Calabria.

Al Viminale sono state aperte le buste dell’ultimo bando indetto lo scorso 26 luglio, dopo altri tentativi che non avevano portato all’individuazione di un mezzo che rispondesse ai criteri stabiliti dal governo per soddisfare le richieste degli amministratori locali siciliani e calabresi, dopo l’ultima impennata di sbarchi registrata a luglio.

Tra coloro che saranno ospitati per primi nelle camere a disposizione sulla nave-quarantena ci saranno anche un gruppo di immigrati al momento ospitati nell’hotspot dell’isola siciliana e in quello di Porto Empedocle che contano al loro interno molti più immigrati rispetto alla loro capienza massima. L’arrivo in Sicilia è previsto nei prossimi giorni: la nave dovrà essere prima attrezzata con le segnalazioni e i percorsi anti-Covid.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Malattie sessualmente trasmissibili, l’Iss: “Infezioni sono aumentate del 40% negli ultimi 18 anni, soprattutto negli uomini”

next
Articolo Successivo

La libertà non è far quello che si vuole. E soprattutto non può essere a senso unico

next